Unione Montana Alto Astico

PROGRAMMA DI INTERVENTI ECONOMICI STRAORDINARI A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE MONOPARENTALI E DEI GENITORI SEPARATI O DIVORZIATI IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ. (D.G.R. n. 1562 del 10 ottobre 2016) (L.R. n.

Pubblicata il 14/11/2016

PROGRAMMA DI INTERVENTI ECONOMICI STRAORDINARI A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE MONOPARENTALI E DEI GENITORI SEPARATI O DIVORZIATI IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ. (D.G.R. n. 1562 del 10 ottobre 2016)
(L.R. n. 29/2012)
 
 
 
CHE COSA È IL CONTRIBUTO REGIONALE “BONUS FAMIGLIE MONOPARENTALI”?
 
Con delibera di Giunta Regionale N. 1562 del 10/10/2016, la Regione Veneto ha approvato il bando per l’erogazione del contributo regionale “Bonus Famiglie Monoparentali” che prevede un supporto economico una tantum;
 
CHI PUÒ CHIEDERLO?
 
  • Il contributo può essere richiesto dalle famiglie monoparentali, ossia dai nuclei (ex art.1, comma 1 della L.R. n. 29/2012) composti da un solo genitore e uno o più figli minori risultanti dallo stato di famiglia e dal certificato di residenza;
  • Il nucleo monoparentale deve avere un ISEE (indicatore della situazione economica equivalente) in corso di validità, non inferiore a € 3.000,00 e non superiore a € 13.000,00;
  • Il nucleo monoparentale deve essere residente nella Regione del Veneto;
  • nel caso in cui un componente nel nucleo monoparentale abbia una cittadinanza non comunitaria deve possedere un titolo di soggiorno valido ed efficace;
 
QUALE È L’IMPORTO DEL CONTRIBUTO?
 
Il contributo, di natura forfettaria, per un importo massimo di € 400,00 per ciascun nucleo monoparentale, viene concesso, in un’unica soluzione sulla base di un piano personalizzato, per i canoni di locazione sostenuti e/o da sostenere nell’arco temporale 1 gennaio-31 dicembre 2016;
 
 
COME SI FA LA DOMANDA?
 
Il richiedente, dal 3/11/2016 ed entro il termine perentorio delle ore 12.00 del 6/12/2016, deve:
  1. compilare ed inviare via web la “DOMANDA DEL CONTRIBUTO EX ART. 5 DELLA L.R. N. 29/2012”, seguendo le ISTRUZIONI che troverà nel sito internet: https://salute.regione.veneto.it/web/sociale, nella parte riservata al RICHIEDENTE;
  2. recarsi presso il Comune di residenza ed esibire i seguenti documenti:
- numero identificativo della domanda ricevuto dalla procedura WEB
- copia del documento d’identità
- attestazione ISEE in corso di validità
            - i provvedimenti emessi nel corso dei procedimenti di separazione, annullamento, scioglimento, cessazione degli effetti civili del matrimonio, relativi a statuizioni di ordine personale/o patrimoniale tra i coniugi e nei confronti della prole e loro eventuali modificazioni;
- eventuale certificazione di non autosufficienza di un figlio minore ai sensi della L.104/92;
- eventuale certificato attestante la presenza di un riconosciuto disagio psicofisico, rilasciato dal SSR, di un componente il nucleo familiare;
- documentazione comprovante la tipologia del contratto di lavoro del soggetto richiedente il beneficio;
- documentazione comprovante la situazione di disoccupazione o sospensione dell’occupazione; - contratto di locazione;
- documentazione attestante la situazione di grave difficoltà economica del lavoratore autonomo;
- autocertificazione specifica al trattamento dei dati sensibili relativi allo stato di salute;
- autocertificazione dello stato di residenza e dello stato di famiglia;
- in caso di richiedente avente cittadinanza non comunitaria: titolo di soggiorno valido ed efficace del richiedente.
 
QUALI SONO I CRITERI PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE?
 
Per la definizione della graduatoria dei nuclei monoparentali destinatari del contributo può essere attribuito per ciascun nucleo un punteggio massimo di 100 punti suddiviso nelle seguenti categorie:
            1. condizione socio-sanitaria fino a 40 punti;
2. condizione economica fino a 30 punti;
3. condizione lavorativa fino a 20 punti;
4. residenza nel territorio della Regione del Veneto da almeno 2 anni ad eccezione delle ipotesi di cui all’art. 2, comma 2, lett. b) della L.R. n. 29/2012, per le quali è sufficiente la sola residenza nel territorio della Regione, pari a 10 punti.
 
All’interno di ciascuna categoria vengono articolati i criteri per la valutazione della condizione del nucleo familiare, con i relativi punteggi, come descritto nei seguenti paragrafi.
 
In caso di parità di punteggio finale il contributo viene concesso in base al seguente ordine di priorità:
a) il contributo è concesso prioritariamente al nucleo con valore I.S.E.E. minore;
b) in caso di parità di I.S.E.E., il contributo è concesso prioritariamente al nucleo con maggior numero di figli minori;
c) in caso di parità di numero di figli minori il contributo è concesso prioritariamente al nucleo che presenta la domanda prima degli altri nuclei, secondo la data di arrivo della domanda riportata nel protocollo comunale.
 
Per i richiedenti privi di computer con connessione internet
e/o incapaci di utilizzarlo, i Servizi Sociali Associati metteranno a disposizione
– previo appuntamento telefonico –
una postazione attraverso cui compilare ed inviare la domanda via web.
 
Le domande dovranno essere presentate dal 03/11/2016 al 06/12/2016
(ore 12:00 termine perentorio).
 
 
 
 
 
 
 
A CHI CHIEDERE INFORMAZIONI?
 
Per ulteriori informazioni rivolgersi ai Servizi Sociali Associati dell’Unione Montana «Alto Astico»  in Via Europa, 22 – ARSIERO Tel. 0445/712609.
 
    Orario apertura                       dalle    alle
 Lunedì                             09.30 - 13.30
 Martedì                            08.30 - 13.30
 Mercoledì                         08.30 - 13.30
 Giovedì                            08.30 - 13.30
 Venerdì                            08.30 - 13.30
 
 ARSIERO, 19.08.2016
 

Allegati

Nome Dimensione
Allegato AVVISO.pdf 21 KB